Please use this identifier to cite or link to this item: https://hdl.handle.net/10593/21578
Title: L’Istituto di diritto agrario internazionale e comparato: la storia
Other Titles: Institute of International and Comparative Agricultural Law of Florence and its history
Authors: Germanò, Alberto
Issue Date: 2017
Publisher: Wydawnictwo Naukowe UAM
Citation: Przegląd Prawa Rolnego, 2017 Nr 1 (20), s. 185-232
Abstract: The paper describes the origins and evolution of the organisation and the scientific activity of the Institute of International and Comparative Agricultural Law (IDAIC) of Florence, from 1922 to 2016. Therefore, it adopts a historic perspective. Its originality is due to the fact that it is unique: there are not any other publications on this topic. Indeed, it describes in very great detail the link between the IDAIC and the Italian Rivista di Diritto Agrario and the Italian and foreign scholars and researchers. After their studies at the IDAIC these researchers have maintained their professional relationship with the Institute and Italian agricultural law scholars and researchers. Moreover, the paper lists Congresses, publications and scientific research conducted by the IDAIC, which are described in great depth and also related to financial sources received for each research project (that, perhaps, may have been more appropriately omitted).
L’articolo presenta l’organizzazione e il funzionamento dell’Istituto di diritto internazionale e comparato (IDAIC) di Firenze nell’arco di 95 anni. L’Istituto affonda le sue radici nel 1922, l’anno in cui Giangastone Bolla fondò la Rivista di diritto agrario, un forum di discussione su tematiche del diritto agrario, in particolare della sua autonomia. L’autore espone in modo molto dettagliato l’operato e i risultati conseguiti a vari livelli: cooperazione scientifica, sopratutto di stampo internazionale, organizzazione di conferenze e congressi, attività e viaggi di ricerca, pubblicazioni. Nel corso degli anni l’Istituto è diventato rinomato, non solo in Europa, come punto di riferimento di tutti gli studiosi di diritto agrario nel mondo, influenzandone lo sviluppo su tutti i continenti. La sua storia continua con la Sezione fiorentina di Diritto Agrario Internazionale e Comparato dell’Istituto romano di Studi giuridici internazionali. L’autore sostiene che la Sezione sia bene equipaggiata per arrivare al centesimo anno di edizione della Rivista di diritto agrario e anche per superarlo, nonché di tenere a disposizione la propria Biblioteca a coloro che vogliano studiare il diritto, l’economia, la storia, la politica dell’agricoltura. Perché, consapevole che è bene proiettarsi nel futuro con la ricchezza del passato, essa, come già l’IDAIC, sa lavorare sodo e sognare in grande.
URI: http://hdl.handle.net/10593/21578
DOI: 10.14746/ppr.2017.20.1.9
ISSN: 1897-7626
Appears in Collections:Przegląd Prawa Rolnego, 2017 Nr 1 (20)

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
PPR_20_2017_Alberto_Germano.pdf621.47 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record



Items in AMUR are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.